Ristampa della Mostra delle Madri Fondatrici nelle Marche

Il 21 Settembre 2017 era stata esposta presso il Palazzo della Regione Marche la Mostra delle Madri Fondatrici dell’Europa. L’evento era stato promosso dal CIF di Ancona e dalla Commissione delle Pari Opportunità della Regione Marche.

Avendo la mostra raggiunto un alto numero di visitatori, nel periodo in cui è stata esposta (21 settembre – fine ottobre 2017), e avendo destato l’interesse dei cittadini  Mariantonia Sciarrillo ne ha promosso la ristampa e organizzato una serie di tappe itineranti ad Ancona e provincia. Il primo incontro si terrà presso l’Istituto Francesco Podesti il 18 gennaio 2018 e verrà replicato il giorno successivo.

IMG-20180116-WA0009.jpgIMG-20180116-WA0011.jpg

Informazioni sul precendente evento tenutosi ad Ancona il 21 settembre 2017:

http://www.ansa.it/marche/notizie/europa/2017/09/22/le-madri-fondatrici-delleuropa_061412ea-274e-4ff4-a7a5-7e2ee38f90a9.html

https://mariapiadinonno.wordpress.com/2017/09/12/madri-fondatrici-delleuropa-ancona-21-settembre-2017/

Annunci

Europe Direct di Venezia ristampa la Mostra delle Madri Fondatrici

10 gennaio 2018. Comincia oggi, a Mestre, presso l’Istituto d’Istruzione Superiore “G. Bruno – R. Franchetti”, via Baglioni 26, la prima tappa della mostra itinerante “Le Madri e i Padri Fondatori dell’Unione europea 2018”. Si ringrazia di cuore lo Europe Direct Venezia per aver ristampato i pannelli della mostra delle Madri Fondatrici e di essersi attivato per far conoscere, in particolare ai giovani, la storia di uomini e donne che hanno creduto negli ideali di un’Europa Unita!

26219103_1009425435863430_7495478101253759887_n

Madri e figlie d’Europa (30/11/2017)

L’Istituto  Italiano per gli Studi Filosofici e la Fondazione Nilde Iotti  propongono un  convegno dal titolo MADRI E FIGLIE D’EUROPA per giovedì 30  NOVEMBRE  2017 alle  ore 15,30

Saranno presenti Fiorinda  Li Vigni (Segretaria generale dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici) Livia Turco (Presidente Fondazione Nilde Iotti)

Sul tema L’ Europa, speranza di pace interverrà Rosa Russo Jervolino (già Parlamentare, Ministra, Sindaca di Napoli)

Le donne nella costruzione delle politiche europee  è il titolo della relazione di Pia Locatelli (Deputata al Parlamento)

Nilde Iotti e la costruzione delle istituzioni europee sarà l’argomento della relazione di Rita Palanza (già collaboratrice di Nilde Iotti)

Giovani in Europa è il tema della tavola rotonda introdotta e coordinata da Francesca Russo (Docente all’Università  Suor Orsola  Benincasa  di Napoli e Vicepresidente della Fondazione Iotti) che dialogherà  con ex studentesse Erasmus :  Sara de Simone,  Raffaella Rocco,   Maria Pia Di Nonno,   Federica Tessitore,   Blerina Marku Conclusioni V aleria  F edeli

Le conclusioni saranno tenute da Veleria Fedeli (Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca). 

Palazzo Serra di Cassano Napoli – Via Monte di Dio, 14

http://www.womenews.net/napoli-madri-e-figlie-deuropa-al-palazzo-serra-di-cassano-il-30-novembre-2017/

madri e figlie d'europa

Borgo dei Filosofi Avellino, 20 – 25 Novembre 2017

La mostra delle Madri Fondatrici dell’Europa è stata esposta dal 20 al 25 Novembre 2017 presso il Carcere Borbonico di Avellino, in occasione dell’ottava edizione del “Borgo dei Filosofi” intitolato quest’anno “Populismi e identità europea”.

 

IMG-20171118-WA0002

Programma

Alcuni articoli sull’evento

https://www.corriereirpinia.it/2017/11/19/ad-avellino-ritorna-la-grande-filosofia-i-piu-grandi-pensatori-in-citta/

http://www.irpinia24.it/wp/blog/2017/11/13/avellino-il-borgo-dei-filosofi-si-presenta/

http://giornalelirpinia.it/index.php/component/content/article/3-cultura/17876-populismi-e-identita-europea-studiosi-a-confronto-al-borgo-dei-filosofi-

The State of Europe Speech, Di Nonno, 9 November 2017

ARE WE TOO LATE?

Maria Pia Di Nonno, 9 November 2017, Berlin
Member of “A Soul for Europe” Strategy Group
Phd Student in History of Europe, Sapienza Università di Roma

Dear President Antonio Tajani and dear distinguee guests; institutional representatives as well as students and citizens;

Today I have received an honor that I could never dare to dream and I am deeply grateful to Berlin Konrad Adenauer Stiftung, Stiftung Zukunft Berlin, Stiftung Mercator and Schwarzkopf Foundation Young Europe and, of course, to “A Soul for Europe” friends for trusting me. However, I also feel a heavy responsibility and I would like to take advantage of this incredible opportunity by giving a voice to some of the most vulnerable actors in our European community.

To reach this aim, I will share with you some reflections – not as Maria Pia – but as a young European and a young woman.

As a young European

First, I am a European citizen. I was born on the 8th September 1989, exactly one day and two months before the fall of the Berlin Wall. This year we celebrate the 28th anniversary of the fall of the Berlin Wall, which was destroyed exactly after 28 years. Now I am 28 years old, I am an adult, but in 1989 I was too young to understand what was happening, even though that moment changed my life completely. As many other young Europeans, born around 1989, I have always benefitted (and I am still benefitting) from all this democratic process, even though I have often taken these possibilities for granted.

I thought, in fact, that it was an undeniable right to live in a peaceful and democratic community, to travel around Europe, to have friends of different nationalities and to have the chance to find a job in line with my aspirations and dreams. Growing up, I realized how all these achievements cannot be taken for granted and that we have to put all our efforts towards the improvement of our society and fighting against forces that would like to go back to a status where division, rising inequality and disrespect for the others (mainly the most vulnerable) are considered acceptable.

To this regard, as a young European, I would like to launch an appeal to European Institutions to stimulate young citizens to reflect on the past and to not to take all for granted: our values of freedom, peaceful societies and solidarity are at risk now. Louise Weiss, one of the Mothers of Europe, wrote in her Memoirs « (…) les vieillards et les jeunes gens qui coexistent encore dans l’espace (…), ne coexistent plus dans le temps. Ils foulent le même sol, dorment sous les mêmes toits mais, par le fait de l’oubli, habitent des mondes différents. »[1] (Translation: Old and young people live in the same space (…), but they do not live in the same time. They walk on the same ground, their sleep under the same roof, but because of the oblivion, they live in different worlds.)

What does it mean? It means that Europeans must be aware of the common history and values connecting them. If we forget our past, we can easily fall off the ladder of European values and rights.

The Erasmus Program, this year we have celebrated the 30th anniversary, was (and it is continuing to be) one the most effective instrument in this field and I would like to even remember the role played by Sofia Corradi, known as “Mamma Erasmus”, in pursuing this aim.

In particular, we should change our storytelling about European history: «History can be told differently;  not only as a series of winners and losers, of kings, queens, battles, of wars and hate, but also as the intertwining of peace, useful inventions, cooperation and solidarity between peoples.  It is this kind of history that we need to share; particularly in times of crisis».[2]

Robert Schuman too, in one of his most beautiful speech (published in the book “Pour l’Europe”) highlighted the necessity of a “detoxification process” of history.[3] Following this idea two years ago, I took a brave decision: I decided to continue a research I had started in 2014, on the Founding Mothers of Europe[4] and to look for some PhD applications.

As a young woman    

I would like to talk now as a young woman. European women should be more conscious of the role that Europe has had in their lives. In the Treaty Establishing the European Economic Community there was inserted an article on the right to equal pay among men and women. I am referring to the famous art. 119, an article that has completely changed the perspective on European women’s rights:

– in 1976, the European Court of Justice recognised for the first time the direct applicability of its article;

– In the same year, the European Commission established two offices concerning women’s issues.

Fausta Deshormes La Valle was in charge of managing the Women’s Information Service (DG Information) and Jacqueline Nonon was in charge of the Women’s Employment Problems Service (DG Social Affairs).[5]

– in 1978 Europe had its first female President of EESC (European Economic and Social Committee) Maria Fabrizia Baduel Glorioso;[6]

– in 1979 the European Parliament, elected for the first time by universal suffrage, had its first female president, Simone Veil.[7]

I have mentioned just some of the most important historical steps of women participation in the labour market and in EU institutions, to demonstrate how Europe changed women lives and how women changed Europe. For the future, I hope that the European institutions will better recognize the role played by women (and the role they are still playing) to sustain the European integration process. We cannot have a real democracy if we forget that women compose more than an half of the European populations.

I take this opportunity even to remember Maria Fabrizia Baduel Glorioso and Simone Veil, both passed away this year, which represent a source of inspiration for me and for many of my friends.

 

Conclusion          

I am going to conclude with a message of warning and a message of hope, in particular to motivate young Europeans. To do that I tell you two stories.

The first one is a personal anecdote often told by Alexandre Marc, the founder of the International Centre for Europe Studies. In 1931, Alexandre was in Germany (precisely in Frankfurt) to take part as a relator in a conference. The room of the event was full of young people. They carefully listened to his speech during the meeting, but their minds and hearts were already captured by the National – Socialism. Therefore, at the end of his wonderful performance Alexandre Marc decided to take a walk, trying to forget all his negative thoughts.

At a certain point, he stopped to rest in a park and he sat down on a bench. A poor man, seated on the same bench asked to him:

“Are not you from here, right?” “No, I am not” – he replied – “I am French” “Are you a merchant on a business trip?” “In a certain way, yes” “And what do you sell?” “I sell an idea, an idea which can not be bought, the idea of peace, justice and fraternity among people, and the unity of all Europeans”. The poor man looked at him quietly and said “It is a good idea, unluckily you are arriving too late” “Too late: I have never forgotten these words. We have lost the opportunity to avoid this terrible disaster to the entire humanity, just because we were too late. I wish you to do not never listen these words: You are too late”.[8]

This was the message of warning, but I would like to share with you also the message of hope.

There is the story of Domenico Sesta (known as Mimmo) and Luigi Spina, two Italian students that in 1961 had an idea. They built a tunnel (together with some friends), known as Freedom Tunnel, to allow to some friends to escape from East Berlin to West Berlin. They were just some young Europeans, some young students. They were brave and they knew that it was not too late to defend human dignity. Their courage teaches us that young Europeans must not be fearful and demoralized despite the challenges we face today. We have a strong potential to preserve peace, freedom and unity in Europe.

And today, are we too late to affirm a different Europe, a Europe based on real common history, values and culture?

I am an optimistic woman. And I believe that each of us, in particular young Europeans, must be active players and have to do their best job (also modest contributions) in their communities, in their cities, in their regions, in their States and in OUR EUROPE! Many other “tunnels of freedom”, good ideas and innovative solutions are waiting to be discovered and implemented by brave young Europeans, such as Domenico and Luigi.

The first idea was to conclude this speech with a question “Are we too late?”, but I have recently changed my mind. I would like to leave with a positive statement “We young Europeans and we young European women, we have to act, not to be too late, ever”.

Thank you for your kind attention.

[1] L.WEISS, Mémoires d’une Européenne. Tome II: 1919-1934, Paris, Payot, 1970

[2] M. P. DI NONNO, Europa. Brevi ritratti delle Madri Fondatrici, Edizioni di Comunità, Roma, 2017

[3] R. SCHUMAN, Pour l’Europe, Genève, Nagel, 2005

[4] More information: < https://thefoundingmothersofeurope.joomla.com/home&gt;

[5] M.P. DI NONNO, Fausta Deshormes La Valle: una Madre dell’Europa al femminile, in Le Madri Fondatrici dell’Europa, Roma, Edizioni Nuova Cultura, Roma, p.  176

[6] M.P DI NONNO, Madame Europe: Maria Fabrizia Baduel Glorioso, in M.P.DI NONNO, Le Madri Fondatrici dell’Europa, op. cit., p. 186

[7] M.P. DI NONNO, Simone Veil o Simone Weil? Due donne per l’Europa, in M.P.DI NONNO, Le Madri Fondatrici dell’Europa, op. cit., p. 173

[8] A. MARC, Europa e federalismo globale, Il Ventilabro, Firenze, 1996, p. 300 (The original dialogue was written in Italian)

Die Europa Rede (The State of Europe Speech) 9 Novembre 2017

THE STATE OF EUROPE SPEECH
Allianz Forum (Pariser Platz), Pariser Platz 6, Berlino
9 Novembre 2017

Presentazione dell’evento

Come ogni anno, dal 2010, la Konrad-Adenauer-Stiftung Berlin promuove assieme ad altri partner, come la Stiftung Zukunft Berlin, una giornata di riflessione sull’Europa intitolata “The State of Europe Speech” (Die Europa Rede). La data scelta per questo appuntamento, e che vede la partecipazione delle più alte cariche a livello europeo, è non a caso il 9 novembre. Tra alcuni degli illustri ospiti che, sin dalla prima edizione, hanno preso parte a questa iniziativa vi sono stati anche Angela Merkel, Herman van Rompuy, José Manuel Durão Barroso, Martin Schulz, Donald Tusk e Jean-Claude Juncker.

Quest’anno la conferenza, che si terrà nella simbolica Pariser Platz, vedrà la partecipazione del Presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani; Hans-Gert Pöttering, Presidente della Konrad-Adenauer-Stiftung di Berlino; Michael Schwarz, Direttore Generale dello Stiftung Mercator; Haris Kušmić, Presidente dello European Youth Parliament Bosnia and Herzegovina e Maria Pia Di Nonno, dottoranda in Storia dell’Europa presso Sapienza Università di Roma e membro del gruppo strategico di “A Soul for Europe”.

Siamo arrivati troppo tardi?
Maria Pia Di Nonno

Gentile Presidente Antonio Tajani e distinti ospiti, rappresentanti delle istituzioni così come studenti e cittadini,

Oggi ho ricevuto un onore che non nemmeno avrei mai potuto sognare e sono profondamente grata agli organizzatori – Berlin Konrad Adenauer Stiftung, Stiftung Zukunft Berlin, Stiftung Mercator e Schwarzkopf Foundation Young Europe – e agli amici di “A Soul for Europe” per avermi dato fiducia. Tuttavia, al contempo sento una grande responsabilità e vorrei approfittare di questa incredibile opportunità per dar voce ad alcuni degli attori più vulnerabili della nostra comunità europea. Per raggiungere questo obiettivo, condividerò con voi alcune riflessioni – non come Maria Pia – ma come una giovane donna europea.

Come giovane d’Europa

Sono una cittadina europea e sono nata l’8 settembre 1989, esattamente un giorno e due mesi prima della caduta del Muro di Berlino. Proprio quest’anno ricade il ventottesimo anno dalla caduta del Muro, che a sua volta venne abbattuto dopo ventotto anni. Oggi anche io ho 28 anni e sono un’adulta, ma nel 1989 ero troppo piccola per comprendere cosa stesse succedendo, sebbene quel giorno abbia completamente cambiato la mia vita. Così come molti altri giovani europei, nati intorno o dopo il 1989, ho sempre beneficiato (e sto ancora beneficiando) del processo democratico che quel momento ha implicato; anche se – ad essere completamente sincera – spesso l’ho dato per scontato.

Credevo, infatti, che fosse un diritto innegabile vivere in una comunità pacifica e democratica, viaggiare in tutta Europa, avere amici di differenti nazionalità e avere l’opportunità di trovare un lavoro in linea con i miei sogni e le mie aspettative. Tuttavia, crescendo, ho compreso che tutti questi traguardi non sono ovvi e che bisogna sforzarsi continuamente per migliorare la nostra società; combattendo contro quelle forze che vorrebbero ricondurci ad uno stato precedente di divisione, crescente ineguaglianza e non rispetto per gli altri (maggiormente i più vulnerabili).

A questo proposito, come giovane europea, vorrei lanciare un appello alle istituzioni per invitarle a stimolare i giovani cittadini d’Europa a riflettere sul proprio passato e a non dare tutto per scontato: i nostri valori di libertà, pace e solidarietà sono attualmente a rischio. Lasciatemi citare, a tal riguardo, Louise Weiss una delle Madri Fondatrici dell’Europa che nelle sue memorie scriveva: “(…) i vecchi e i giovani che coesistono ancora nello spazio, (…) non coesistono più nel tempo. Camminano sulla stessa terra, dormono sotto lo stesso tetto, ma a causa dell’oblio vivono mondi differenti.”[1]

Cosa significa e implica tutto ciò? Significa che i giovani europei devono essere maggiormente consapevoli della propria comune storia e dei valori che li accomunano. Se dimentichiamo il passato, potremmo facilmente cadere dalla scala dei valori e dei diritti europei. A questo punto non potrei non ricordare il peso rivestito a tal riguardo dal Programma Erasmus, che quest’anno compie ben trent’anni, e il ruolo della Professoressa Sofia Corradi – affettuosamente definita dai suoi studenti “Mamma Erasmus” – nel rendere questo sogno realtà.

Inoltre, più in generale, sarebbe necessario cominciare a raccontare con una diversa prospettiva la storia europea: “La storia può essere raccontata diversamente; non solo come una serie di vincitori e perdenti, di re e regine, di battaglie, di guerre e di odio; ma anche come un concatenarsi di pace, utili invenzioni, cooperazione e solidarietà tra i popoli. E’ questo il tipo di storia che dovremmo condividere, in particolare nei momenti di crisi”.[2]

Anche Robert Schuman, in uno dei suoi più bei discorsi (pubblicati nel libro “Pour l’Europe”), metteva in evidenzia la necessità di attivare un “processo di disintossicazione” dai manuali di storia.[3] E proprio seguendo questo principio che due anni fa, presi una coraggiosa scelta: decisi di continuare una ricerca sulle Madri Fondatrici dell’Europa[4], promossa nel 2014, sperando di trovare una borsa di dottorato.

Come giovane donna d’Europa

Adesso, invece, vorrei parlarvi in quanto giovane donna d’Europa. Le donne europee dovrebbero essere maggiormente coscienti dell’impatto delle politiche europee nelle proprie vite. Nel Trattato che istituiva le Comunità Economiche Europee venne inserito un articolo sul diritto all’uguaglianza di salario tra lavoratori e lavoratrici. Mi sto riferendo all’art. 119, il quale che ha completamente cambiato la prospettiva dei diritti delle donne in Europa:

– nel 1976 la Corte di giustizia europea riconobbe per la prima volta la diretta applicabilità di questo articolo;

– nello stesso anno, la Commissione Europea creò due uffici riguardanti le questioni femminili. A Fausta Deshormes La Valle[5] venne assegnato il Servizio Informazione Donne e a Jacqueline Nonon la direzione dell’Ufficio riguardante i problemi delle donne a lavoro;

– nel 1978 l’Europa ha avuto la sua prima presidente donna del Comitato Economico e Sociale: Maria Fabrizia Baduel Glorioso[6];

– nel 1979 Simone Veil[7] divenne la prima Presidente del Parlamento europeo eletto a suffragio universale.

Ho menzionato, in realtà, solo alcuni dei più importanti momenti storici che hanno segnato l’evoluzione dei diritti delle cittadine europee nel mondo del lavoro e delle istituzioni, semplicemente per dimostrarvi come l’Europa ha cambiato la vita delle donne; ma anche come le donne hanno cambiato l’Europa. Spero, infatti, che anche in futuro le istituzioni europee continueranno a riconoscere il ruolo giocato (e tuttora rivestito) dalle donne a sostegno del processo di integrazione europea. Una democrazia non può esser definita tale se si dimentica che la sua popolazione è composta per più della sua metà da donne.

Infine ne approfitto, ancora una volta, per ricordare Maria Fabrizia Baduel Glorioso e Simone Veil, entrambe scomparse quest’anno.

Conclusioni

Vorrei concludere, dopo questa breve panoramica di giovane donna d’Europa, con un messaggio di allarme e uno di speranza – in particolare rivolti ai giovani europei – e per fare ciò vi propongo due storie.

La prima è un aneddoto personale spesso raccontato da Alexandre Marc, il promotore del Centre International de Formation Européenne (CIFE) fondato nel 1954. Nel 1931, Alexandre Marc si trovava in Germania (precisamente a Francoforte) per partecipare come relatore ad una conferenza. La sala dell’evento era piena di giovani tedeschi che ascoltarono attentamente il suo discorso, sebbene le loro menti e i loro cuori fossero stati già catturati e affascinati dal nazional-socialismo. E fu così che, per dimenticare tutti quei pensieri negativi, Alexandre Marc alla fine del convegno decise di fare una passeggiata. Ad un certo punto si fermò a riposare in un parco e si sedette su una panchina, vicino ad un povero uomo che gli chiese:

“Voi non siete di qui?” “No” – risposi – “Sono francese”. “Siete un commerciante in viaggio d’affari?”. “Sì, in un certo senso” – risposi. “Che cosa vendete?”. “Vendo un’idea che non si compra, l’idea della pace, della giustizia e della fraternità fra gli uomini, e dell’unione di tutti gli europei.” Guardandomi in un grande silenzio mi disse: “E’ una buona idea” – e continuò – “Ma che peccato che voi arrivate troppo tardi.” Troppo tardi: queste parole non le ho mai dimenticate. Ci lasciammo sfuggire l’occasione di evitare all’umanità un disastro così terribile perché arrivammo troppo tardi. Vi auguro di non farvi mai dire “Troppo tardi”. [8]

Questo era il messaggio di allarme, ma lasciatemi condividere anche il messaggio di speranza: la storia di Domenico Sesta (conosciuto come Mimmo) e Luigi Spina; due studenti italiani che studiavano Ingegneria a Berlino e che nel 1961 ebbero un’idea. Decisero di costruire insieme ad alcuni amici un tunnel, noto come Tunnel della Libertà per consentire a dei propri amici, di fuggire dalla Berlino Est. Ma sebbene fossero solamente dei giovani europei, senza alcun potere, erano coraggiosi e sapevano che non era troppo tardi per difendere la dignità umana. Il loro coraggio, ancora oggi, insegna ai giovani europei a non essere impauriti e demoralizzati, nonostante le molte difficoltà della vita. Noi abbiamo un potenziale incredibile per preservare la pace, la libertà e l’unità in Europa.

E oggi, siamo arrivati troppo tardi per affermare un’Europa diversa basata su valori condivisi e una comune storia e cultura europea?

In realtà, essendo molto ottimista, credo che ognuno di noi – e in modo particolare i giovani europei – possiamo svolgere un ruolo come attori principali dando il nostro contributo (anche se a volte modesto) nelle nostre comunità, città, regioni, stati e nella NOSTRA EUROPA! Molti altri “tunnel della libertà”, buone idee e soluzioni innovative aspettano di essere scoperte e implementate da coraggiosi europei, come Domenico e Luigi.

Noi giovani europei e noi giovani donne europee, dobbiamo agire, e non arrivare mai più in ritardo!

Grazie per la vostra attenzione.

[1] L.WEISS, Mémoires d’une Européenne. Tome II: 1919-1934, Paris, Payot, 1970

[2] M. P. DI NONNO, Europa. Brevi ritratti delle Madri Fondatrici, Edizioni di Comunità, Roma, 2017

[3] R. SCHUMAN, Pour l’Europe, Genève, Nagel, 2005

[4] Maggiori informazioni su < https://lemadrifondatricidelleuropa.it/&gt;

[5] M.P. DI NONNO, Fausta Deshormes La Valle: una Madre dell’Europa al femminile, in Le Madri Fondatrici dell’Europa, Roma, Edizioni Nuova Cultura, Roma, p.  176

[6] M.P DI NONNO, Madame Europe: Maria Fabrizia Baduel Glorioso, in M.P.DI NONNO, Le Madri Fondatrici dell’Europa, op. cit., p. 186

[7] M.P. DI NONNO, Simone Veil o Simone Weil? Due donne per l’Europa, in M.P.DI NONNO, Le Madri Fondatrici dell’Europa, op. cit., p. 173

[8] A. MARC, Europa e federalismo globale, Il Ventilabro, Firenze, 1996, p. 300

The State of Europe Speech, 9 Novembre 2017

THE STATE OF EUROPE SPEECH
Allianz Forum (Pariser Platz), Pariser Platz 6, Berlino
9 Novembre 2017

Presentazione dell’evento

Come ogni anno, dal 2010, la Konrad-Adenauer-Stiftung Berlin promuove assieme ad altri partner, come la Stiftung Zukunft Berlin, una giornata di riflessione sull’Europa intitolata “The State of Europe Speech” (Die Europa Rede). La data scelta per questo appuntamento, e che vede la partecipazione delle più alte cariche a livello europeo, è non a caso il 9 novembre. Tra alcuni degli illustri ospiti che, sin dalla prima edizione, hanno preso parte a questa iniziativa vi sono stati anche Angela Merkel, Herman van Rompuy, José Manuel Durão Barroso, Martin Schulz, Donald Tusk e Jean-Claude Juncker.

Quest’anno la conferenza, che si terrà nella simbolica Pariser Platz, vedrà la partecipazione del Presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani; Hans-Gert Pöttering, Presidente della Konrad-Adenauer-Stiftung di Berlino; Michael Schwarz, Direttore Generale dello Stiftung Mercator; Haris Kušmić, Presidente dello European Youth Parliament Bosnia and Herzegovina e Maria Pia Di Nonno, dottoranda in Storia dell’Europa presso Sapienza Università di Roma e membro del gruppo strategico di “A Soul for Europe”.

die europa rede

Most Wanted: Music 2017

Durante il prestigioso evento organizzato dalla Berlin Music Commission, Most Wantet: Music (MW:M) ci sarà un momento di riflessione sull’Europa intitolato “My Passion for Europe”. Ne parlano due giovani europei: il giornalista Kit Holden (membro di A Soul for Europe e Wir Sind Europa) e Maria Pia Di Nonno (membro di A Soul for Europe).

Tra i temi, anche una breve presentazione del progetto delle Madri Fondatrici

Immagine.png

Programma

My passion for Europe

Libro “Le Madri Fondatrici dell’Europa”

Questo libro, finanziato dal Bando di Avvio alla Ricerca 2016 della Sapienza Università di Roma e dal Dottorato in Storia dell’Europa, è stato suddiviso in due parti: Parte I, Le Madri Fondatrici dell’Europa. Conferenza del 17 febbraio 2017 e Parte II, Approfondimenti.

La prima parte, che presenta il materiale di ricerca del progetto, è suddivisa in tre capitoli: Saluti e Testimonianze e Ricordi e Ritratti – in cui sono raccolti gli interventi dei relatori durante la giornata del 17 febbraio 2017 – e Storia di un’idea che contiene il riassunto dell’idea progettuale e i pannelli espositivi della mostra che è stata presentata alla Sapienza, il 17 febbraio 2017, assieme al libro Europa. Brevi ritratti delle Madri Fondatrici.

La seconda parte, invece, raccoglie del materiale aggiuntivo al progetto di ricerca ed è stata suddivisa in quattro capitoli: Brevi biografie ed estratti di scritti e discorsi che riporta articoli e discorsi delle nove figure esaminate; Negli archivi e nel diritto contenente due articoli di approfondimento di Andrea Becherucci e Federica Di Sarcina; Donne per l’Europa scritti vari che raccoglie una serie di articoli dell’autrice e, infine, Una Conclusione che è un nuovo inizio. Quest’ultimo capitolo, in particolare, vuole stimolare una riflessione verso il passato e verso l’oggi proponendo: un ricordo di Maria Fabrizia Baduel Glorioso, Prima Presidente del Comitato Economico e Sociale, e un’intervista a Beatrice Covassi, prima donna a rivestire l’incarico di Capo della Rappresentanza in Italia della Commissione europea.

 

 

 

Immagine.png

Copertina

Congresso Fondativo GFE Venezia, 4 Novembre 2017

CF2017_graficaweb.png

 

Venezia, porta d’Europa
La nascita della Gioventù Federalista Europea di Venezia avviene in un momento cruciale per la città di Venezia e per l’Europa. Le diverse crisi che ha dovuto affrontare l’Europa negli ultimi anni e gli scenari geopolitici mondiali minacciano sempre di più la stabilità del nostro pianeta. Venezia, patrimonio mondiale UNESCO, si inserisce in questo contesto come città fragile quanto preziosa. Il Congresso inaugurerà la nascita di un percorso che vuole portare Venezia consapevole del suo ruolo nello scenario globale, e le forze europee altrettanto consapevoli della tipicità della città. Per questo motivo siederanno allo stesso tavolo cittadini attivi del territorio, figure del mondo educativo, e
personaggi di spicco a livello europeo. La cittadinanza è invitata a partecipare a questo importante momento di condivisione e sinergia che inaugurerà un impegnativo quanto necessario cammino insieme per difendere e costruire il nostro futuro

Durante l’evento è stato consegnato il Premio Ursula Hirschmann e sono stati esposti i pannelli della Mostra sulle Madri Fondatrici.

23131571_1459767730773456_6543340096258241340_n

Programma

Locandina 

Lettera di Maria Pia alla GFE di Venezia